lunedì 17 giugno 2024

CRISTALLI: POESIE DALL’INFINITO

“Lo troveremo, sì

il nostro bacio.

Sarà su di un letto di nubi,

di cristalli o di braci?”

(Pedro Salinas)

English Version: Crystals: poems from infinity

“Cristalli” è un distillato poetico, un appassionato omaggio alla Luce che, in un estremo slancio di amore, s’imprigiona nella materia più densa: lo stato minerale. In queste silloge si celebra l’abbraccio infinito di Spirito e Materia, il paradosso dello splendore che sboccia dalla più cupa disperazione. Quasi ogni poesia canta un dolore depurato, un composto pesante che viene lavorato, raffinato e reso trasparente. Il cristallo diventa emblema di una musica silenziata, di una sonorità arrestata e tuttavia capace di riflettere i raggi luminosi da cui è permeata. La parola poetica aspira dunque a recuperare quel potere redentore, quella trasmissione vitale che ridesta l’anima sinfonica del creato, rendendolo capace di manifestare  bellezza  aldilà di ogni apparente imperfezione.

Il libro è diviso in tre sezioni: una parte composta di Haiku e Tanka, forme tradizionale della lirica giapponese, un’altra fatta di poesie ‘cristalline’ che tracciano la parabola del progressivo oscuramento dello Spirito nella Materia fino alla sua rinascita finale e, a chiusura,  le poesie-canzoni, che sciolgono in musica ogni attrito e sofferenza.

Il libro è stato pubblicato da Interno Libri e si può acquistare in libreria o al seguente link: Cristalli

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


CRYSTALS: POEMS FROM INFINITY

“We will find it, yes.

Our kiss.

It will be on a bed of clouds,

of crystals or embers?”

(Pedro Salinas)

Versione italiana: Cristalli: poesie dall'infinito

‘Crystalsis a poetic distillation, a passionate homage to the Light that, in an extreme outburst of love, imprisons itself in the densest matter: the mineral state. In these syllogues, the infinite embrace of Spirit and Matter is celebrated, the paradox of splendour blossoming from the darkest despair. Almost every poem sings of a purified pain, a heavy compound that is worked, refined and made transparent. The crystal becomes the emblem of a silenced music, a sonority arrested and yet capable of reflecting the luminous rays by which it is permeated. The poetic word thus aspires to recover that redeeming power, that vital transmission that reawakens the symphonic soul of creation, making it capable of manifesting beauty beyond all apparent imperfection.

The book is divided into three sections: one part composed of Haiku and Tanka, traditional forms of Japanese lyric poetry, another made up of crystallinepoems that trace the parable of the progressive obscuration of the Spirit in Matter until its final rebirth and, in closing, the song-poems, which dissolve all friction and suffering into music.

The book was published by Interno Libri and can be purchased in bookshops or at the following link:

Cristalli

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

LA CANZONE “CRISTALLI”

“I cristalli sono esseri viventi all'inizio della creazione.”(Nikola Tesla)

English version:My song "Cristalli"

Qui di seguito posto il link della mia canzone “Cristalli”,  colonna sonora della mia omonima silloge poetica, pubblicata da Interno Libri e che può essere acquistata al seguente link:

Che rapporto c’è tra questo elemento del mondo naturale e la mia poesia? Potrei citare Margaret Atwood: “La genesi di una poesia per me è di solito un insieme di parole. L'unica metafora valida che mi viene in mente è quella scientifica: immergere un filo in una soluzione sovrasatura per indurre la formazione di cristalli. 

Una canzone, poi, è come una gemma che finalmente libera il suono in sé imprigionato, che emette un raggio di poesia  e melodia. 

Il video della canzone: Cristalli


CRISTALLI


Luce che 

s’irradia fino a qui,

fende le tenebre

Umile,

abbraccia gli uomini 

ingrati e pavidi


Ma poi, cristalli su di noi

un flusso di poesia,

raggio di nostalgia

E io, cristallo senza Dio,

lontana secoli,

in storie inutili


Luce, sai

mi manchi più che mai,

l’origine tu sei

Scioglimi

da autotune e trap, 

da un mondo senza te


Ninfea, contrasto e pura idea

pietrificata qua, ansia di libertà


Ma poi, cristalli su di noi

e il flusso di poesia,

raggio di nostalgia

Ma poi, cristalli come noi

tra cocktail e caffè,

ancora a splendere

E io, cristallo torno a Dio

disciolta in polvere 

di stelle e glicine

Di stelle e glicine,

cristallo e iride 

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


MY SONG “CRISTALLI”

 “Crystals are living beings at the beginning of creation.”(Nikola Tesla)

Versione italiana: La canzone 'Cristalli'

Below is a link to my song Crystals, the soundtrack to my poetic sylloge of the same name, published by Interno Libri and available for purchase at the following link:

What is the relationship between this element of the natural world and my poetry? I could quote Margaret Atwood: “The genesis of a poem for me is usually a cluster of words. The only good metaphor I can think of is a scientific one: dipping a thread into a supersaturated solution to induce crystal formation.

A song, then, is like a gem that finally frees the sound imprisoned within itself, that emits a ray of poetry and melody. 

The video of the song : Cristalli

CRYSTALS - Lyrics translation


Light that 

radiates up to here

pierces the darkness

Humble,

embraces men 

ungrateful and fearful


But then, crystals upon us

a stream of poetry

ray of nostalgia

And I, godless crystal

centuries away

in useless stories


Light, you know

I miss you ever more

the origin you are

Untie me

from autotune and trap 

from a world without you


Water lily, contrast and pure idea

petrified here, yearning for freedom


But then, crystals on us

and the flow of poetry

ray of nostalgia

But then, crystals like us

between cocktails and coffee

still shining

And I, crystal back to God

dissolved in dust 

Of stars and wisteria

Of stars and wisteria,

crystal and iris


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

domenica 12 maggio 2024

FAI LA TUA PARTE NELL’AMORE

“Ma adesso che tante cose cambiano, non tocca anche a noi cambiare? Non potremmo provare ad evolverci un poco e, gradualmente, assumerci la nostra parte nel lavoro dell’amore?”

“-Aber nun, da so vieles anders wird, ist es nicht an uns, uns zu verändern? Könnten wir nicht versuchen, uns ein wenig zu entwickeln, und unseren Anteil Arbeit in der Liebe langsam auf uns nehmen nach und nach?”(R.M. Rilke)

English version: Play your part in love

Stamattina, che è una radiosa mattina di maggio dal cielo libero e teso, mi sono svegliata con la voce di Rilke che mi sussurrava. “Fai la tua parte nell’amore”. Già… perché, come molti ormai sanno, a me la notte porta consiglio, talvolta anche scompiglio e tuttavia è il momento in cui dialogo con i ‘miei amici invisibili’, ossia i grandi poeti e  letterati di ogni tempo. 

Accendo quella che Foscolo, altro mio compagno di tormento e passione, chiamava ‘corrispondenza di amorosi sensi”. Lo faccio con discrezione, per non beccarmi un TSO immediato, eppure la Via della Poesia è proprio questo: il dialogo costante e immortale con le grandi anime che ci hanno preceduto, con coloro che hanno cercato di camminare in Bellezza, nonostante le spine e il pianto.

“Fai la tua parte nell’amore”…cosa cercava di dirmi il buon Rainer? Forse che il mondo è devastato, la poesia degradata, il bello soffocato ma io, io posso fare la differenza nel mio cantuccio di realtà. Fai la tua parte nell’amore, anche se non è ricambiata, non è riconosciuta, viene data per scontata  e sembra non apportare nessuna modifica visibile. Fallo lo stesso, fallo per la tua redenzione, per i fiori che offrono bellezza e vengono calpestati, per i gatti che meditano sui davanzali, per il tuo stesso ‘incanto del cuore’. 

Manda quel messaggio che ti costa tanta fatica perché sai che non avrà la risposta che desideri, fai la telefonata che non cambierà una virgola di quel rapporto, invita chi è rimasto solo anche se, appena trova il prossimo partner, si scorderà di te.

Fai la tua parte nell’amore e non guardare se gli altri fanno altrettanto.  Non chiederti se sarà abbastanza, se poi dovrai fare di più, se andrà apparentemente sprecata. Piuttosto, apri il l’occhio del cuore all’invisibile, credi nel piccolo e nel sottile poiché alla fine, come dice William Saroyan, “l’amore è immortale e rende immortale ogni cosa. Ma l’odio muore a ogni istante”.

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

PLAY YOUR PART IN LOVE

“But now that so many things are changing, isn't it our turn to change too? Could we not try to evolve a little and, gradually, take on our part in the work of love?”(R.M. Rilke)

Italian Version Fai la tua parte nell'amore

This morning, which is a radiant May morning with a clear and tense sky, I woke up with Rilke's voice whispering to me. ‘Do your part in love’. Yes... because, as many now know, to me the night brings advice, sometimes even mayhem, and yet it is the time when I converse with ‘my invisible friends’, that is, the great poets and literati of all times. I turn on what Foscolo, my other companion of torment and passion, called ‘correspondence of amorous senses’. I do this discreetly, so as not to catch an immediate TSO, and yet the Way of Poetry is precisely this: the constant and immortal dialogue with the great souls who have gone before us, with those who have tried to walk in Beauty, despite the thorns and tears.

‘Do your part in love’...what was the good Rainer trying to tell me? Perhaps that the world is devastated, poetry degraded, beauty stifled but me, I can make a difference in my little corner of reality. Do your part in love, even if it is unrequited, unacknowledged, taken for granted and seems to make no visible change. Do it anyway, do it for your own redemption, for the flowers that offer beauty and are trampled on, for the cats that meditate on windowsills, for the "enchantment of your own heart". 

Send that message that costs you so much effort because you know it won't get the response you desire, make the phone call that won't change one iota of that relationship, invite the one who is left alone even though, as soon as they find their next partner, they will forget about you.

Do your part in love and do not look to see if others do the same.  Do not ask yourself whether it will be enough, whether you will have to do more, whether it will seemingly go to waste. Rather, open your heart's eye to the invisible, believe in the small and the subtle because in the end, as William Saroyan says, ‘love is immortal and makes all things immortal. But hate dies every minute’.

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


sabato 4 maggio 2024

IL VIAGGIO DELL’(ANTI) EROE

"'Amazing Grace' percorre le strade secondarie”(Carole Gallagher)

English version: The (anti)hero's journey

Qui di seguito, traduco in italiano il bellissimo contributo di Paul Winfield ai temi della gloria, del successo e della vittoria così cari alla cultura occidentale. Secondo Paul, il vero viaggio dell’eroe è un arrancare di fatica in sconfitta, di frustrazioni e disillusioni, di abissi e rinascite. Io stessa ho fallito in tutto quello che ho intrapreso: il matrimonio, la carriera, lo stesso cammino interiore. Dal punto di vista della personalità, ci sarebbe da mettersi a piangere e buttarsi in Arno, anzi, nella Pesa o nel Virginio, visto che annegare nel fiume di Dante forse è fin troppo onorevole. Dal punto di vista dello spirito, tuttavia, il cristallo di luce della mia anima non può che guardare con amore questa povera Sara Bini. Ecco allora che mi scoppia dentro una grande risata… ed è subito libertà.

“Leonard Cohen ha raccontato che una volta il suo maestro gli disse che più si invecchia, più si diventa soli e più profondo è l'amore di cui si ha bisogno. Questo perché, nel corso della vita, tendiamo a identificarci eccessivamente con l'eroe delle nostre storie. 

Questo eroe non si sta divertendo: viene preso a calci, umiliato e disonorato. Ma se riusciamo a liberarci dall'identificazione con lui, possiamo trovare il nostro giusto posto nell'universo e un amore più soddisfacente di qualsiasi altro mai conosciuto.

Si parla continuamente di “Viaggio dell’eroe”,  senza avere la minima idea di cosa significhi veramente. Tutti, dagli amministratori delegati agli influencer del benessere, pensano che il Viaggio dell'Eroe significhi affrontare le proprie paure, uccidere un drago e guadagnare 25.000 follower su Instagram. Ma questo non è il vero viaggio dell'eroe.

Nel vero viaggio dell'eroe, il drago uccide VOI. Con grande sorpresa, non siete riusciti a far funzionare quel matrimonio. Con grande sorpresa, avete compiuto quarant'anni senza figli, senza casa e senza prospettive. Con grande sorpresa, il mondo non ha voluto i doni che gli avete offerto con orgoglio.

Se siete sciocchi, è qui che interromperete il viaggio e ne inizierete un altro, e un altro ancora, abusando del vostro cuore in continuazione per la breve illusione di vincere. 

Ma se siete saggi, vi lascerete frantumare e tornerete al villaggio, umiliati, ma con una nuova sensazione di non dovervi identificare con la parte di voi che ha bisogno di vincere, di essere riconosciuta, di sapere. È qui che inizia la vostra vita trascendente.

Quindi abbracciate l'umiltà in ogni cosa. La vita non vuole prendervi, né le vostre lotte sono colpa vostra. 

Ogni sconfitta è solo un angelo che vi tira la manica e vi dice che non dovete continuare a sbattere la testa contro il muro. 

Lasciate quell'attaccabrighe lì, intrappolato nelle sue ambizioni solitarie. Allontanatevi e la vita, nella sua vastità, vi abbraccerà.”(Paul Weinfield)

Aggiungo il commento, magistrale, di Carole Gallagher: “probabilmente il pezzo più importante che ho letto da un po' di tempo a questa parte. Amazing Grace percorre le strade secondarie.”

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.