domenica 2 agosto 2020

THE DOWNSIDE OF THE ‘SPECIAL PERSON’


"I have an amazing dog: half Labrador, half bulldog. A good combination. Well, sure, maybe she'll bite my leg off, but then she'll bring it back.”
Italian version at the link:Il rovescio della medaglia



The theme of the 'special' man and woman remains one of the favorite themes of our powerful infatuations, heartbreaking love affairs and fierce crushes. Here too, it is worth making some reflections, always for the sake of science and for the love of a beer in good company.
In the meantime, let's face the myth of Prince Charming and the Great Chick because of which women languidly wait for the knight without stain and without fear whereas men long the virginal-grand-whore who reassures their sense of virile omnipotence.


Beyond these extremely unrealistic extremes, there are, however, people with qualities out of the ordinary, in front of whom we can easily say that "they have an extra gear". A certain magnetic fascination radiates from them, often disconnected from the mostly ordinary physical appearance, yet embellished by something indefinable that at best I tend to call 'light of the soul’.
This quality, as attractive as it is at first glance, generally becomes very repellent for those who are not somehow on this wavelength. Initially, a strong depth of feeling and thought, combined with qualities such as straightforwardness and authenticity are undoubtedly fascinating for an intelligent and sensitive individual. In the long run, however, such an individual realizes that he or she is walking on the edge of an abyss: the profound and spiritual person knows how to live with his or her splendours and crises, but this is not necessarily tolerable for those close to him or her.


The profound and authentic person also has the not always pleasant virtue of saying what he thinks without filters, touching with great ease the uncovered nerves of the other as he ruthlessly strums his or her own. This is because of her/his ugly tendency to think that everyone seeks the truth as she/he does, so she/he applies this yardstick indiscriminately to her/his partner as well as to her/his pet, who honestly would also prefer a bit of healthy hypocrisy and quiet living.
Without disturbing mystical qualities or existential torments, just think of a woman with inner strength and emotional independence.  Even an averagely intelligent man can rejoice at not finding 300 whatsapp or 20 calls per hour on his mobile phone, or outbursts of jealousy at the appearance of every supposedly female being. If, however, such a man does not possess a solid self-esteem and emotional serenity, after a while he will begin to condemn that woman as 'elusive, cold, uncomplacent and selfish'.


Knowing how to manage the forces of attraction and repulsion is therefore a process of progressive attunement and real listening to the other - it means knowing how to go a little beyond our fears, wounds and needs, questioning easy idealizations and improbable expectations. 
It's about knowing how to handle the not always positive recoil - for our perception - of the 'positive' qualities of the other, learning to see where his dark sides resonate with our own sore points.  All this can offer us an extra opportunity to grow and heal together, as long as it is possible and without needlessly hurting ourselves.


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.




lunedì 27 luglio 2020

La mia nuova canzone: AMORE SCIENTIFICO


“Non è amore, se non è colite”(Sara Bini)

"David Bowie mi dice sommessamente 'Sai, ho avuto così tanto sesso e droga che non riesco a credere di essere ancora vivo', e io gli dico a voce alta: 'Sai, ho avuto COSÌ POCO sesso e droga che non riesco a credere di essere ancora vivo’. (Morrissey)
English version at the link: Scientific Love



Questa canzone, un po’ provocatoria come spesso lo sono i miei testi, è un’ironica demolizione di molti luoghi comuni legati all’amore romantico. Primo fra tutti, il sentimentalismo sdolcinato: esso tende a  non essere supportato da un esame di realtà per cui non riusciamo né vogliamo vedere l’altro per come realmente è; altrimenti può essere caratterizzato da struggenti dichiarazioni d’intenti non accompagnate da fatti congruenti all’affetto dichiarato. Altro ‘classico’: il ‘io sono buono/buona e pieno/a d’amore...dò sempre senza chiedere e senza mai ricevere nulla in cambio’ seguito poi dall’immancabile ‘mi sento usato/usata’ per finire con ‘se n’è scappato/a ai Caraibi con la mia migliore amica/o, quel bastardo/a.”


Cos’è invece l’amore scientifico o la scienza dell’amore? È un’opera d’arte che parte dal completamento e compimento di se stessi prima ancora di attaccarsi come l’edera a un altro povero malcapitato. E’ quel sentimento che trova origine in una certa pienezza e radianza invece che in un tentativo di fuga da se stessi per soddisfare bisogni di vario tipo (sicurezza, riconoscimento, affetto, cura). ‘Scientifico’, dunque, perché presuppone una discreta onestà intellettuale, una certa precisione, un desiderio di sperimentazione e tanta autodisciplina. Include un sano distacco, necessario per lasciare uno spazio di libera espressione e crescita sia a noi stessi che al partner. Tutto ciò risulta quantomai difficile perché lui (o lei) potrebbe anche ‘allontanarsi’ da noi e mollarci, per l’appunto, con l’unica persona con cui purtroppo avremo a che fare fino alla fine dei nostri giorni - noi stessi! 


Qui di seguito posto il video e il testo della versione italiana:



AMORE SCIENTIFICO

POSSO SEMBRARE UN PO’ INSENSIBILE, È COMPRENSIBILE, SONO IO
IL TUO AMORE È UN PO’ PATETICO, È PSICOPATICO E DIREI
CHE TU DAI, CHE TU DAI, TIENI I CONTI POI CHE NON TORNANO MAI
TI SENTI USATO TESORINO MIO, CHE PIETÀ, PIANGO ANCH’IO

DAMMI UN AMORE SCIENTIFICO
VOGLIO AMORE SCIENTIFICO
E LO SO, CHE NON PUOI, SÌ LO SO, CHE NON SAI
DARMI UN AMORE SCIENTIFICO
VOGLIO UN AMORE UN PO’ SCIENTIFICO
MA LO SO, CHE NON PUOI, SÌ LO SO, CHE NON SAI
MA CON ME, GUARDA CHE SEI NEI GUAI

VIVO L’INFERNO MENTRE TOCCHI IL CIELO, CHI DEI DUE, È NEL VERO?
VOGLIO UNA STORIA CHE MI LIBERA, CHE MI AMPLIFICA, MA TU
STRINGI ANCORA DI PIÙ, IO TI BUTTO GIÙ NELLA VIA, MA CHE ARPIA
E TIRO IL FIATO CAMBIO STATO CHE NON SI SA MAI, CON TE…



Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


My new song: SCIENTIFIC LOVE


"It's not love, if it's not colitis.”(Sara Bini)

“David Bowie quietly tells me, 'You know, I've had so much sex and drugs that I can't believe I'm still alive,' and I loudly tell him, 'You know, I've had SO LITTLE sex and drugs that I can't believe I'm still alive.” (Morrissey)

Italian version at the link: Amore Scientifico



This song, a bit provocative as my lyrics often are, is an ironic demolition of many clichés related to romantic love. First of all, sticky sentimentality: it tends to be unsupported by an examination of reality so we can't and don't want to see the other as he/she really is. Otherwise, sentimentality may be characterized by corny declarations of intent not accompanied by facts congruent to the declared affection. Another 'classic' is 'I am good/good and full of love: I always give without asking and without ever receiving anything in return' followed by the inevitable 'I feel used' to end up with ‘he/she ran off to the Caribbean with my best friend, the bastard'.


What is scientific love or the science of love? It is a work of art that starts from the completion and fulfillment of oneself before sticking like poison ivy to another poor human being . It is that feeling that starts from a certain fullness and radiance instead of from an escape from oneself to satisfy needs of various kinds (security, recognition, affection, care). ‘Scientific' therefore because it presupposes some intellectual honesty, a certain precision, a desire for experimentation and a capacity for self-discipline. It includes a healthy detachment, necessary to leave room for free expression and growth both to ourselves and to our partner. All of this is very difficult because he (or she) could also 'move away' from us and leave us with the only person we will unfortunately have to deal with until the end of our days - ourselves! 

Below, you can find the videos, lyrics and the Italian translation:



SCIENTIFIC LOVE

I MAY SOUND A BIT INSENSITIVE, WELL IT'S ME, CANNOT BREATH
YOUR LOVE IS JUST SENTIMENTALITY, INCAPABILITY TO SEE
THAT YOU GIVE, THAT YOU GIVE, THEN YOU SHOW THE BILL
OF YOUR LOVE, I COULD KILL
AND AT THE END YOU ALWAYS FEEL SO USED, POOR SWEET THING, A VICTIM

GIVE ME BIT OF SCIENTIFIC LOVE, 
CAN’T YOU GIVE ME A BIT OF SCIENTIFIC LOVE, 
BUT I KNOW, YOU WON’T DO IT, WELL I KNOW, YOU CAN’T DO IT
SHOW ME A BIT OF SCIENTIFIC LOVE, 
BRING ME A BIT OF SCIENTIFIC LOVE
BUT I KNOW, YOU WON’T DO IT, YES I KNOW, YOU CAN’T DO IT
BECAUSE YOU LOVE IS A GLUE JUST LIKE YOU  —-(JUST LIKE YOU)

I’M LIVING HELL AND YOU SEE PARADISE, HOW CAN I EVEN TRY?
EXPANSION IS MY OTHER NAME FOR LOVE, IT’S SOMETHING FROM MY SOUL BUT YOU
YOU JUST KISS, YOU JUST MISS AND I ROLL MY FIST
FULL OF RAGE, THAT’S A CAGE
AND AT THE END I’M BETTER ALL  ALONE, GOTTA STAY, ON MY OWN



Traduzione italiana

Posso sembrare un po’ insensibile, be’ sono io, non riesco a respirare
Il tuo amore è solo sentimentalismo, incapacità di vedere
che tu dai, che tu dai e poi chiedi il conto del tuo amore,
potrei uccidere
E alla fine ti senti sempre così usato, poverino, una vittima

Dammi un po’ di amore scientifico 
Non può darmi un po’ di amore scientifico?
Ma lo so, non lo farai, io lo so, non sai farlo
Mostrami un po’ di amore scientifico
portami un po’ di amore scientifico
Ma lo so, non lo farai, be’ lo so, non ci riesci
perché il tuo amore è una colla come te

Sto vivendo l’inferno e tu vedi il paradiso, come posso anche solo provare?
Espansione è il mio altro nome per amore, qualcosa dalla mia anima, ma tu
semplicemente mi baci, ti manco e io preparo il pugno, piena di rabbia
è una gabbia
e alla fine è meglio da sola, meglio restare per conto mio



Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.










domenica 21 giugno 2020

HEAD, HEART, GUT: meeting in the Heart


"With an adequate dose of coffee, meditation and Kinder Breakfast +, I believe I can awaken spiritually even here, on my couch."
Versione italiana al link Incontrarsi nel Cuore


Clearly there is room in life for everything and every human being has the right to his or her own preferences and uniqueness to act, feel and think. The ideal would be a harmonious growth of head, heart and guts based on the saturation of obsolete tendencies and appetites, or even their transmutation and refinement, to the exploration of a range of increasingly radiant and iridescent feelings and increasingly complex and creative thinking.


One of the points where human beings have the hardest time meeting each other is the heart, and by this word I don't mean that unstable emotionality that in a moment goes from "I love you, I adore you" to "I hate you, you disgust me". The heart is our central dimension, it is the place where we can put on our masks and recognize ourselves as companions on the same journey, accept ourselves and maybe even love each other as we are. It is emancipation from sentimentality and false goodness, it is sincere empathy, it is the ability to be true and authentic in order to respect both ourselves and the other. 


In my personal experience, I have observed that access, but above all permanence, in the heart dimension was more agile to 'rational' and 'intelligent' people rather than to more emotional, hypersensitive or instinctive people. In the latter type of people, I noticed how easy it is to quickly make a bundle out of all the grass, go from a feeling to its opposite and throw the baby out with the dirty water. On the contrary, a lucid thought that knows how to go beyond the spades and upsets of the moment, manages to guide the person towards the wisest and most harmless choice, perhaps even managing to draw the good and hidden teaching in every situation. 
Head, heart,gut : cultivating and harmonizing such centers, such bundles of energy and knowing how to manage them, rather than being managed by them, remains perhaps one of the most exciting challenges of our human adventure, a courageously open lesson towards ever greater awareness and realization. 


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.




HEAD, HEART, GUT and similar giblets


"Choose the best imperfection."

Versione italiana al link :TESTA, CUORE, PANCIA e simili frattaglie


"Head", "heart", "gut" are commonly used terms to refer to the three fundamental dimensions of the human being: instincts, emotions and thoughts. After all, we are 'bridge' creatures, a stretch of union between earth and sky; in us we synthesize the mineral, vegetable and animal kingdoms and then move towards those regions defined as 'spiritual', which are none other than the synthesis and overcoming of human experience, with all its suffering, its contradiction but also its creativity and possibility of splendour.


How many times do we hear expressions like "that man/woman takes me by the head, even if physically I don't like it" or "I had to listen to my guts" or the now classic "follow your heart"?
Leaving aside the theory of the three brains, it is quite evident that the common man is constantly wriggling and bouncing between these various planes of experience, rarely harmonious or consistent with each other. In other words, we think one thing, we feel another and we do another because habit, which is a sort of instinct, brings us back to act according to old tracks.


There are also more general tendencies linked to culture or gender. Simplifying to the bone, women often tend to identify more with the heart aspect, that is, with the emotional or relational aspect of reality, where men tend to favour a more cerebral or visceral approach. For men it is very easy, in the same evening, to go from a good chat to a night of passion, while for several women it is necessary to go through at least a minimum of 'heart', of emotional warmth, before opening up to a physical and sexual dimension. 


Of course, these are all generalizations, but they are at the basis of recurring relational dynamics, such as the 'predatory' ones: the serial seducer who 'twists' the woman with false declarations in order to get her into bed and the 'dead cat', as we say in Italian, who pretends a wild and complacent sexuality in order to conquer and keep the man on duty.  
In the same way, the lack of knowledge of oneself and one's internal functioning leads to desperate battles or mechanisms of idealization or phagocyzation of the other. Just to give an example, looking for intellectual harmony with someone who lives mainly on instincts and emotions or trying to make instinctive and animal a person who finds his maximum enjoyment in reading Emerson or listening to Bach is a bit like wanting a dog to start meowing. 



Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

TESTA, CUORE, PANCIA: incontrarsi nel Cuore


“Con un’adeguata dose di caffè, meditazione e Kinder Colazione +, credo di poter riuscire a risvegliarmi spiritualmente  anche qui, sul mio divano.”
English version at the link : HEAD, HEART, GUT: meeting in the Heart


Chiaramente nella vita c’è posto per tutto e ogni essere umano ha diritto alle sue preferenze e alla sua unicità di agire, sentire e pensare. L’ideale sarebbe una crescita armoniosa di testa, pancia e cuore basata sulla saturazione di tendenze e appetiti obsoleti, o anche sulla loro trasmutazione e raffinamento, fino sull’esplorazione di una gamma di sentimenti sempre più radiosi e iridescenti  e di un pensiero sempre più complesso e creativo.


Uno dei punti in cui gli essere umani fanno più fatica ad incontrarsi è proprio quello del cuore, e con questa parola non intendo quell’emotività instabile che in un attimo passa da “ti amo, ti adoro” a “ti odio, mi fai schifo’. Il cuore è la nostra dimensione centrale, è il luogo dove possiamo calarci le maschere e riconoscerci come compagni di uno stesso viaggio, accettarci e magari anche volerci bene così come siamo. È emancipazione dal sentimentalismo e dal buonismo, è empatia sincera, è capacità di essere veritieri e autentici per rispettare sia se stessi che l’altro. 


Nella mia esperienza personale, ho osservato come l’accesso, ma soprattutto la permanenza, nella dimensione del cuore sia risultato più agile a persone ‘razionali’ e ‘intelligenti’ piuttosto che a persone più emotive, ipersensibili o istintive. In quest’ultima tipologia di persone,  ho notato come sia facile fare velocemente di tutta l’erba un fascio, passare da un sentimento al suo opposto e buttare via il bambino insieme all’acqua sporca. Al contrario, un pensiero lucido che sa andare oltre le picche e i turbamenti del momento, riesce a guidare la persona verso la scelta più saggia e più innocua, magari riuscendo perfino  trarre il buono e l’insegnamento nascosto in ogni situazione. 
Testa, cuore, pancia: coltivare e armonizzare tali centri, tali fasci di energie e saperli gestire, anziché esserne gestiti, resta forse una delle sfide più avvincenti di questa nostra avventura umana, una lezione coraggiosamente aperta verso una sempre maggiore consapevolezza e realizzazione.


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

TESTA, CUORE, PANCIA e simili frattaglie


Scegli l’imperfezione migliore.”
English version at the link HEAD, HEART, GUT and similar giblets


“Testa”, “cuore”,  “pancia” sono termini di uso comune per riferirci alle tre dimensioni fondamentali dell’essere umano: gli istinti, le emozioni e i pensieri. Del resto siamo creature ‘ponte’, un tratto di unione tra terra e cielo; in noi sintetizziamo i regni minerale, vegetale e animale per poi muoverci verso quelle regioni definite ‘spirituali’, che altro non sono se non la sintesi e il superamento dell’esperienza umana, con tutta la sua sofferenza, la sua contraddizione ma anche la sua creatività e possibilità di splendore.



Quante volte sentiamo espressioni come “quell’uomo/donna mi prende di testa, anche se fisicamente non mi piace” oppure “dovevo ascoltare la mia pancia” o l’ormai classico “segui il tuo cuore”?
Tralasciando la teoria dei tre cervelli, è abbastanza evidente che l’uomo comune si dimeni e rimbalzi continuamente tra questi vari piani di esperienza, raramente armonici o  coerenti tra di loro. In altre parole, pensiamo una cosa,  ne sentiamo un’altra e ne facciamo un’altra ancora perché l’abitudine, che è una sorta di istinto, ci riporta ad agire secondo vecchi binari.


Ci sono poi anche tendenze più generiche legate alla cultura o al genere di appartenenza. Semplificando fino all’osso, spesso le donne tendono a identificarsi più con l’aspetto cuore, ossia con l’aspetto emotivo o relazionale della realtà, laddove l’uomo tende a privilegiare un approccio più cerebrale o viscerale. Per l’uomo è molto facile, in una stessa serata, passare da una bella chiacchierata del più e del meno  a una notte di passione, mentre per diverse donne è necessario attraversare almeno un minimo di ‘cuore’, di calore affettivo, prima di aprirsi a una dimensione fisica e sessuale. 
Naturalmente queste sono tutte generalizzazioni, che tuttavia stanno alla base di dinamiche relazionali ricorrenti, come quelle ‘predatorie’:  il seduttore seriale che ‘intorta’ la donna con false dichiarazioni pur di portarsela a letto e la ‘gatta morta’ che finge una sessualità sfrenata e compiacente pur di conquistare e tenersi l’uomo di turno.  

Allo stesso modo, la scarsa conoscenza di sé e dei propri funzionamenti interni porta a battaglie disperate o meccanismi di idealizzazione o fagocitazione dell’altro. Tanto per fare un esempio, cercare la sintonia intellettuale con qualcuno che vive principalmente d’istinti e emozioni oppure tentare di rendere istintiva e animale una persona che trova il suo massimo godimento nel leggere Emerson o ascoltare Bach è un po’ come volere che un cane inizi a miagolare. 

##continua al link Incontrarsi nel Cuore


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.