domenica 13 gennaio 2019

COS’È CHE CURA 2? - I portatori di armonia


“Nell’ultima storia che ho avuto, beh, io le sono stato sempre vicino e lei mi ha piantato. Gliel’ho rinfacciato. Le ho detto: “Ricordi quando è morta tua nonna? Io ero lì, per te. E quando fosti bocciata? Io ero lì, per te. Ricordi quando hai perso il lavoro? Io ero lì, per te!” E lei: “Lo so. Porti sfiga!” (Tom Arnold)


Carl Rogers, uno dei padri della psicologia umanistica e del counseling, osserva che, alla resa dei conti, per favorire una modificazione costruttiva nella personalità del cliente non occorrono chissà quante e quali tecniche fantascientifiche. Nello specifico, la sua ‘ricetta’ curativa prevede pochi, ‘semplici’ ingredienti come ‘la considerazione positiva incondizionata’ del terapeuta o del counselor nei confronti del cliente e la ‘comprensione empatica’ del suo mondo interiore.
A mio avviso, ‘considerazione positiva incondizionata’ e ‘comprensione empatica’ non sono altro che due nomi in più per ‘amore -  e qui risulta molto chiaro come non si tratti dell’amore emotivo e personale che comunemente intendiamo. Si tratta piuttosto di una ‘radianza’, un’ onda avvolgente di energia che, riducendo al minimo le frequenze disarmoniche tipo ‘possesso’, ‘ansia’ o ‘aspettativa’, comunica all’altro un ‘Io per te ci sono. Vai bene così, ti accolgo come sei’.


Non a caso quando c’imbattiamo in un dottore o in un terapeuta in gamba ma anche in un insegnante o in un allenatore validi, esprimiamo commenti del tipo “mi fa sentire tranquillo” “m’infonde serenità e fiducia” “mi dà forza” “m’incoraggia”, “m’ispira e mi aiuta a superare i miei limiti” o “mi sento pienamente accettato”. Si tratta di individui che, consapevolmente o inconsapevolmente,  incarnano dei modelli di armonia, cioè delle qualità positive e costruttive che si trasmettono o comunque vengono percepite da chi sta loro intorno.
Quindi, come indicazione pratica, quando siamo in difficoltà e ci affidiamo a qualcuno, oltre alle competenze tecniche e ai certificati alle pareti, cerchiamo di prestare attenzione anche alle competenze umane e al riverbero interiore che la presenza di quella persona evoca in noi.

##Vedi il post precedente Il campo magnetico del Cuore




Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.



COS’È CHE CURA 1? - Il campo magnetico del Cuore


“Girovagare e malattie d’amore
mi hanno schiacciato e strangolato
Cura il mio corpo, rendimi intero
Nutri il mio corpo, nutri la mia anima - 
Wanderlust and love disease 
Taken over and strangled me
Cure my body, make me whole
Feed my body, feed my soul”( Jagger-Richards ‘Feel On Baby)


In questo articolo mi riferisco alla parola ‘cura’ in senso lato, come a qualcosa che facilita il passaggio da una situazione di malessere a una di maggior benessere e armonia. 
Al giorno d’oggi c’è un gran fiorire di tecniche e metodi di ogni tipo, dai più invasivi ai più sottili, dai più tradizionali ai più alternativi. Tuttavia, a una domanda generica come ‘cos’è che cura?’, si potrebbe rispondere altrettanto genericamente ‘l’amore’ con la certezza di non sbagliare.
Certo, può suonare una risposta sbrigativa, un po’ sentimentale e superficiale, visto che l’amore è probabilmente una delle questioni più fraintese e disattese da parte dell’umanità. Eppure, parlando con un amico  di quest’argomento, è emerso che anche sul fronte della scienza, le ultime ricerche evidenziano una ben maggiore influenza e potenza del campo magnetico del cuore rispetto a quello del cervello. Sarà un caso? Mi sembra un’ interessante scoperta che conferma in modo indiretto e analogico l’idea intuitiva dell’amore curativo.


L’amore infatti non è soltanto un sentimento della personalità, un ritrovato delle soap opera o un’esclusiva di Padre Pio e Madre Teresa;  è una frequenza specifica, un modo di stare al mondo, un modello di armonia. Essere esposti alla vibrazione potente, elevata e coerente dell’amore induce una sorta di ri-armonizzazione interna che si traduce in maggior benessere sia sul piano fisico che psicologico. 
Un esempio alla portata di tutti: quante volte mia madre, con la sua presenza, la sua sicurezza e il suo calore, mi ha curata meglio e più profondamente di tanti specialisti che mi hanno visitata. Questo senza nulla togliere alle tecniche e ai metodi della medicina tradizionale o alternativa. D’altro canto, se una madre o un padre veicolano ansia o senso di impotenza al figlio malato o in difficoltà, può darsi che ciò aumenti il disagio rallentando la ripresa e la guarigione.



Uno specialista, spesso, riesce a curare il paziente proprio perché lo rasserena e riaccende in lui la fiducia. L’esperto può trasmettere tali qualità perché in qualche misura ne partecipa, vuoi per gli studi e il percorso formativo professionale, vuoi per il percorso evolutivo esistenziale - in altre parole, per la sua esperienza.
L’amore dunque si manifesta come presenza, quella presenza che ti dà un senso di sicurezza e di stabilità. Amore significa inoltre non-giudizio, perché ti fa sentire parte della vita e della razza umana, imperfetta per definizione e dunque sempre in movimento, mutamento, evoluzione.

##Continua nel post seguente I portatori di armonia


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.



mercoledì 21 novembre 2018

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA

“Ho una cagna straordinaria: metà labrador, metà bulldog. Una buona combinazione. Beh, certo, magari mi stacca la gamba con un morso, però poi me la riporta.”(Jimi Celeste)


Il tema dell’uomo e della donna ‘speciali’ resta uno dei tormentoni preferiti delle nostre possenti infatuazioni,  strazianti innamoramenti e cotte feroci. Anche qui vale la pena fare due riflessioni, sempre per amore della scienza e di una birretta in buona compagnia.
Intanto sfatiamo il mito del Principe Azzurro e della Grande Gnocca per cui le donne aspettano languidamente il cavaliere senza macchia e senza paura e gli uomini la vergine-gran-mignotta che rassicuri il loro senso  di onnipotenza virile.
Aldilà di questi estremi estremamente irrealistici, esistono tuttavia persone con qualità fuori dall’ordinario, di fronte alle quali facilmente ci scappa detto che “hanno una marcia in più”. Un certo fascino magnetico irradia da loro, spesso scollegato dall’aspetto fisico perlopiù ordinario, eppur impreziosito da qualcosa d’indefinibile che nel migliore dei casi io tendo a chiamare ‘luce dell’anima’.


Questa qualità, per quanto attraente al primo colpo, diventa generalmente molto repellente per chi non sia in qualche modo su tale lunghezza d’onda. Inizialmente, una forte profondità di sentire e di pensiero, uniti a doti come  schiettezza e autenticità risultano indubbiamente affascinanti per un individuo intelligente e di una certa sensibilità. Alla lunga però, tale individuo si rende conto di star camminando sull’orlo di un abisso: la persona profonda e spirituale sa convivere con i suoi splendori e le sue crisi, ma non è detto che ciò sia tollerabile per chi gli o le sta accanto.
La persona profonda e  autentica ha poi anche la non sempre piacevolissima virtù di dire senza filtri quello che pensa, toccando con grande facilità i nervi scoperti dell’altro così come strimpella spietatamente i propri. Questo per via della sua brutta tendenza a pensare che tutti ricerchino la verità come fa lei, per cui applica tale metro indiscriminatamente al partner così come all’animale domestico , che onestamente preferirebbero anche un po’ di sana ipocrisia e quieto vivere.


Senza scomodare qualità mistiche o tormenti esistenziali, basti anche solo pensare a una donna dotata di forza interiore e indipendenza emotiva.  Perfino un uomo mediamente intelligente potrà gioire del fatto di non trovare sul cellulare  300 whatsapp o 20 chiamate all’ora più scenate di gelosia all’apparire di ogni essere di sesso presumibilmente femminile. Se però tale uomo non possiede una solida autostima e altrettanta serenità emotiva,  dopo un po’ comincerà a condannare quella donna come ‘sfuggente, fredda, poco compiacente ed egoista”.
Saper gestire le forze dell’attrazione  e della repulsione si rivela  dunque un processo di progressiva sintonizzazione e reale ascolto dell’altro – significa saper andare un po’ oltre le nostre paure, ferite e bisogni mettendo in dubbio facili idealizzazioni e inverosimili aspettative



Si tratta di saper regger il contraccolpo non sempre positivo - per la nostra percezione -  delle qualità ‘positive’ dell’altro, imparando a vedere dove i suoi lati oscuri entrano in risonanza con i punti dolenti nostri.  Tutto questo può offrirci un’occasione in più per crescere e guarire insieme, finché è possibile e senza farsi inutilmente del male.


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

IL RIFIUTO 3 : rifiutare

“Una cipolla al giorno leva tutti di torno.”(Anonimo)


Vale la pena anche spendere due parole sulla parte ‘attiva’ o (‘cattiva’?) di questo dramma, su quella che in apparenza rappresenterebbe il ruolo del ‘carnefice’. Qui entra in gioco il famoso ‘saper dir di no’, arte quanto mai difficile perché nella concezione comune significa far soffrire un’altra persona. In realtà, molte volte, ciò che ci trattiene dal dire un onesto ‘no’ è la paura di perdere quell’immagine di noi stessi tanto buoni, altruisti o semplicemente tanto indispensabili e importanti che abbiamo lungamente faticato a costruire.
Non occorre dare ragioni per dire un ‘no’: ‘no’ è una frase completa. Non occorre neppure che l’altro ci stia un po’ sulle balle per potergli infliggere un ‘no’ a cuor leggero. E’ un nostro diritto porre dei limiti, prendere tempo, non dare spiegazioni. Non siamo la Sibilla Cumana che deve dar risposte a tutti.



Saper rifiutare e saper essere rifiutati sono in fondo la faccia della stessa medaglia. Fa parte di un sano, ‘sportivo’ senso di realtà, un saper stare al mondo con leggerezza. Cosa urta un rifiuto, l’orgoglio? Bene, quell’orgoglio ferito scaturisce dalla stessa debolezza emotiva che ci impedisce di dire un ‘no’ sincero e deciso. E’ fatto della stessa pasta inconsistente di un senso di valore fondato solo sulle conferme altrui e sui riconoscimenti esteriori.
Quando un rifiuto affonda troppo in noi, vediamo chi o cosa si sente minacciato e impariamo ad abbracciare queste parti fragili e poco mature di noi. Non pretendiamo che se ne debbano occupare gli altri, o che tutti debbano camminare in punta di piedi per non ferire la nostra delicata suscettibilità. Impariamo con dolcezza a stare nell’imperfetto, nel vulnerabile e nel cambiamento, coltivando in noi una parte più luminosa, stabile e forte capace di osservare e  sorreggere tutto questo. 



Del resto, come diceva il buon Stan Lee “un personaggio che non fa errori e si comporta sempre in modo impeccabile non è affatto interessante.” E nemmeno umano - aggiungerei io.

##Vedi i due post precedenti Alcune premesse e Essere rifiutati


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


Il RIFIUTO 2 : essere rifiutati

“Ogni rifiuto importante, ogni abbandono che brucia è una piccola morte dell’ego. Ringrazia chi ti rifiuta, perché ti dà l’opportunità di risorgere Altro, di rinascere Spirito.”(Sara Bini)


Non mettersi minimamente in discussione è tragico, ma lo è anche andare in paranoia di fronte a ogni critica, di fronte a un no o a un partner che ci rispedisce al mittente. Ogni rifiuto può essere istruttivo, verificati alcuni fattori, come ad esempio da che pulpito viene la predica: mi rifiuta qualcuno con cui sono uscito tre volte o una persona che stimo e che penso sia arrivata a conoscermi bene? In tal caso, su cosa si basa il suo allontanarmi? E in cosa, di preciso, mi allontana? Anche qui limitiamo il danno: se per esempio qualcuno non mi vuole come partner non è detto che mi rifiuti in toto come persona. Inoltre, anche solo per amore della scienza, posso usare le sue motivazioni per vedere se c’è qualcosa di effettivamente ‘repellente’ in me e magari lavorarci sopra, sempre se mi va. 


Anche in questo caso, bisognerebbe apportare i dovuti miglioramenti senza fanatismi  e senza perdere di vista il fatto che l’assoluta perfezione non è di questo mondo. Prima o poi bisognerà pur far pace con noi stessi e con quegli aspetti di noi che sono scarsamente modificabili, tipo quelli fisici, o con tratti caratteriali che sono distintivi della nostra identità. 
Come si suol dire, non è possibile piacere a tutti e non è neppure un granché corretto fingersi diversi e compiacenti per essere amati e accettati. Prima o poi la nostra verità verrà a galla, di solito accompagnata da una discreta quantità di rabbia e recriminazioni del tipo “ho fatto tutto questo per te, per i nostri figli e per la nostra galassia e tu adesso te la spassi con la vicina di casa, porco!”.



Per concludere, smussati gli angoli più nocivi della nostra personalità e raggiunto un certo grado di pacificazione interiore – che gli altri ci rifiutino pure. Per assurdo, noteremo che più ci vogliamo bene, più saremo capaci di voler davvero bene e, di conseguenza, verremo maggiormente accolti  e meno rifiutati.

##Vedi il post precedente Alcune premesse e quello seguente Rifiutare

Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.


Il RIFIUTO 1 : alcune premesse

Lloyd: Quante possibilità ho?
Mary: Non molte.
Lloyd: Vuoi dire non molte tipo una su cento?
Mary: Io direi, piuttosto, una su un milione.
Lloyd: …Allora stai dicendo che una c’è! E vai!!! (Scemo &+scemo)



Nonostante il titolo del post, non parleremo di raccolta differenziata o termovalorizzatori, quanto piuttosto di un’altra grande star nel panorama delle turbe psichiche umane: la paura e la ferita del rifiuto. Quasi impossibile non essere stati mai stati ammorbati, o per via diretta o per vie traverse, dalla pesantezza di questo nucleo emotivo irrisolto.
Farò alcune premesse generali, prima di entrare più nello specifico nei post seguenti. Tanto per cominciare, una vita significativa e interessante è, a mio avviso, spesso costellata da una serie di rifiuti, basti pensare a Verdi che fu bocciato all’esame di ammissione al Conservatorio. Inoltre, se siamo stati rifiutati, significa quantomeno che ci siamo messi in gioco, tentando di varcare i limiti del sicuro e del conosciuto per aprirci a nuove esperienze.

Oltre a ciò, c’è da dire che il rifiuto raramente va preso proprio sul personale – e questo forse è l’errore più classico, perché tendiamo a pensare che tutto il mondo ruoti intorno a noi e, nella fase paranoica, che tutto il mondo ci giudichi e ci condanni severamente. Quando recuperiamo un po’ di sano distacco, ci rendiamo conto che in realtà esistono tutta una serie di gusti, preferenze e alchimie non controllabili né predicibili, per cui a ognuno di noi piace qualcuno e qualcosa e non piace qualcun altro o qualcos’altro. E non c’è reale dramma in tutto questo, al massimo un “provaci ancora, Sam!” o un “ritenta, e sarai più fortunato!”.
Infine, il rifiuto si riferisce spesso e volentieri all’idea che ci siamo fatti di una persona, e non alla persona come è veramente. Se prendiamo ogni rifiuto acriticamente  come una sentenza  capitale, forse abbiamo bisogno di interventi più risolutivi rispetto al leggere il post di un blog o lamentarsi con un amico al bar.
Di questo tratterò nel prossimo post.

##Continua nei prossimi due post  Essere rifiutati e Rifiutare


Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.

lunedì 1 ottobre 2018

LADY ORFEO

“Sono io che l’ho inventato, lui e tanti altri…[…]. Io mi sono inventata i miei ricordi, senza sapere cosa facessi, non ce n’è uno che mi riguardi.”(Samuel Beckett)

“Ma è andata diversamente, Dio saprà perché. I miei vecchi mobili marciscono in un granaio in cui ho potuto metterli, e io stesso, sì, mio Dio, io non ho un tetto su di me, e mi piove negli occhi.” (Rilke)



Sono sola, a più di 2000 km da casa, in un bar di Siviglia che si chiama “Orfeo”, in preda ai miei ‘fantasmi’. Il mio volo è stato annullato a causa di un enorme incendio nei pressi di Pisa: terra bruciata alle mie spalle. 
Una vacanza forzatamente prolungata che mi costringe a confrontarmi con parti di me irrisolte e con dolorosi ritorni del passato. Siviglia non è certo Chernobyl o la striscia di Gaza, ma quando ci si trova a fare i conti con i propri incubi personali, l’esperienza non è mai un granché piacevole. Per come sono fatta io, sarei stata male anche sui fiordi norvegesi con Brad Bitt. E lui, di sicuro, sarebbe stato anche peggio!
Poi, improvvisamente, una poesia.
A volte succede che, dopo una meditazione in cui chiedo luce, la Vita mi risponda in  sussurri poetici. 





Lady Orfeo

Attraverso l’Inferno
non ci si volta indietro

Il passato è una sirena
m’incatena la mente
Il passato è una lama
mi spezza le gambe
Avanti e ancora avanti
brucio i ponti alle spalle

Ché attraverso le Ombre
non si torna indietro

Non-toccata
Mai-appartenuta
In-violata
Non torno a Casa
se non Temprata
dal Fuoco



Per prenotare  un colloquio  di Counseling contattatemi attraverso il mio sito  Le Vie per l'Armonia.